Un viaggio nella meravigliosa Corsica

Durante una stupenda giornata di giugno, muovendo dal porto di Savona, Corsica Ferries mi ha condotto in una delle più belle isole del Mediterraneo. Fra le tre mete corse a disposizione raggiungibili da Savona, ho optato per Calvi, cittadina arroccata su un promontorio a ridosso del mare e situata nella parte nord occidentale della Corsica, facilmente raggiungibile con i traghetti per la Corsica. La sua cinta muraria e la sua posizione geografica, nel medioevo seppero farle guadagnare l’appellativo di città inespugnabile. Corsica Ferries si è mostrata meritevole della sua fama e mi ha offerto un viaggio all’altezza delle più rosee previsioni. Partiti dalla città ligure alle 12.45 abbiamo attraccato in quel di Calvi alle 19.00. La traversata è durata poco più di sei ore, esattamente come comunicato dallo staff di bordo al momento della partenza. Ho portato con me la mia automobile, al fine di garantire a me e ad i miei cari una maggiore comodità durante gli spostamenti via terra, una volta giunti a destinazione.

corsica

Calvi è arroccata nella sua cittadella, che per secoli l’ha difesa dai numerosi aggressori e che oggi offre uno spettacolo mozzafiato a chiunque provenga dal mare. Il paesaggio che circonda Calvi prende il nome di Balagne, una regione dal fascino mediterraneo, contornata di alti rilievi montuosi e puntellata di borghi pittoreschi. I panorami dei quali si gode dalle prime alture a ridosso della costa sono di una tale bellezza che risulterebbe difficile render loro giustizia con semplici parole. L’impatto iniziale è stato positivo e durante i primi giorni abbiamo potuto godere di uno dei luoghi più indimenticabili che avessi mai pensato di visitare nel bacino del Mediterraneo. Ma la Corsica non è soltanto Calvi e posti limitrofi: l’azzurro intenso del mare ed il verde della macchia mediterranea ci hanno accompagnato fino al Golfo di Saint Florent e poi ancora presso Capo Corso, la terra più settentrionale, che si protende in mare per 40 km e che offre scorci di poetica bellezza, infarciti dal silenzio e dalla tranquillità che qui sono di casa. Più a sud, procedendo verso la costa orientale, sorge Bastia, con le sue chiese, la sua storia e le sue strade che si affacciano sulla centralissima Piazza Saint Nicolas, nella quale campeggia il monumento a Napoleone. La città più meridionale è Bonifacio, anch’essa fortificata e costruita su uno sperone di roccia. Escursioni, spiagge mozzafiato e fondali trasparenti attirano a Bonifacio migliaia di turisti all’anno. Il centro più grande è Ajaccio, città natale di Napoleone, ricca di musei ed attrazioni, tra cui la celebre casa-museo nella quale nacque l’imperatore.

 

Borse donna collezione primavera estate

Colori tenui, i classici bianco e blu, poche note di colore, soprattutto l’aranciato, sono i dettami della nuova collezione primavera-estate di borse Alviero Martini. Come sempre domina la fantasia Geo, tipica del noto marchio italiano, che troviamo nei modelli principali: “Resort” e “Buckle”, mentre è solo un accenno nella linea “Urban Casual” dove la classica handbag bianca, blu o beige, comoda e capiente, è impreziosita dalla striscia dell’inconfondibile tessuto. Sofisticate e sportive sono le borse della linea “Resort”. Pratiche bag da portare comodamente tutto il giorno, hanno forma strutturata, particolare che permette di trovare a colpo d’occhio ogni cosa all’interno. Il dettaglio moda è la cornice colorata, che crea un raffinato contrasto di toni con il fondo Geo ed organizza, con un piacevole gioco ottico, le tasche esterne aperte o con la zip, secondo il modello. Le cornici sono marrone, verde, bianco o arancio nella linea “Resort Classic”, mentre sono blu e beige in quella “Resort White”, che ha il fondo più tenue. Sono borse sporty-chic, che donano ad ogni abbigliamento un tocco di classe distintivo. Per chi vuole osare con il colore e non teme l’originalità sono perfette, invece, le borse “Buckle Classic” caratterizzate dal felice contrasto tra una linea pulita e la maxi fibbia dorata.
borse-alviero-martini
Al tradizionale tessuto “Geo Classic” è abbinata la pelle liscia nei colori oro, turchese, arancio o bianco, per un insieme very chic da portare sottospalla o crossbody. Nella stessa linea ma dal sapore decisamente più estivo sono le “Buckle White”, con lo stesso gioco di contrasti ma più delicati, con il fondo geografico in stampa chiara e la pelle liscia color arancio o beige. Della “Buckle” c‘è anche la versione tracollina, piccola e trendy. Perfetta per essere sfruttata in molte occasioni, la borsa “Geo Surface”, ha dimensioni importanti ma può essere regolata di volume grazie ai bottoni laterali. Da portare a spalla, si chiude con clip e laccetto. E’ impreziosita da un elegante contrasto di colore su manici e sulla tracolla removibile. E’ proposta nei colori: bianco e blu, bruciato e giallo, blu e beige. Perfette per la stagione estiva anche le borse della linea “Safari”, dal tipico tessuto Geo beige chiaro, facilmente abbinabili con le tinte estive, e le “Happy Hippy”, nuova versione delle amate “Happy Color”, con i dettagli trendy: dai laccetti intrecciati alle fettucce effetto frangia.

Vacanze Pasquali

In cima ai desideri di moltissimi visitatori italiani e stranieri, Capri è una meta turistica affollata in ogni periodo dell’anno e quindi molto gettonata anche a Pasqua. Un luogo che trasmette autentiche emozioni e per certi versi unico al mondo. Sono molte le cose da fare e da vedere, per cui è difficile anche stilare una classifica. In questa guida proveremo comunque a darvi utili suggerimenti per indirizzarvi verso un bel soggiorno di Pasqua in una delle isole più famose al mondo.

La celebre Piazzetta
Luogo dalla struggente eleganza, è il cuore dell’isola.Tutti i momenti della giornata sono buoni per respirare la suggestiva atmosfera che si respira in questo posto, magari per consumare qualche buona bevanda in uno dei bar storici che lo popolano o per lasciarsi semplicemente incantare dalla meravigliosa vista sul Golfo di Napoli. Un luogo celebre per via della movimentata vita mondana e per via dei tanti vip che lo frequentano. Poco lontano dalla piazzetta si trovano, inoltre, alcune delle bellezze artistiche dell’isola come la Torre dell’Orologio e la Chiesa monumentale di Santo Stefano.

Anacapri
Una volta a Capri difficile andare via senza aver fatto una passeggiata ad Anacapri, un piccolo centro molto bello ai piedi del Monte Solaro caratterizzato da angoli e vicoli molto suggestivi. Un luogo dove storia e arte si coniugano alla perfezione, mettendo in risalto piccoli gioielli come la Chiesa di San Michele, in stile barocco, e la Casa Rossa. Il resto lo fanno le botteghe artigianali e i colori, elementi che contribuiscono a rendere magico questo luogo.
capri
Grotta Azzurra
L’isola di Capri si distingue anche per degli aspetti naturalistici davvero singolari e la Grotta Azzurra è un’icona eccellente per la sua struggente bellezza naturale. Il mitico luogo si raggiunge in barca e il suo nome deriva dal dominante colore azzurro che si può ammirare una volta entrati nella grotta.

I Giardini di Augusto
Arrivare qui non significa solamente osservare i molti tipi di piante e di fiori presenti, ma anche ammirare alcuni dei panorami mozzafiato che l’isola è in grado di offrire. Dall’alto dei Giardini di Augusto osservare, infatti, Marina Piccola e i Faraglioni è uno spettacolo eccezionale e senza paragoni. Pochi dubbi dunque, trascorrere le vacanze di Pasqua a Capri è un vero piacere.

Volo in ritardo ecco cosa devi sapere

Il terrore di qualsiasi viaggiatore è quello di vedere il proprio volo cancellato o in ritardo.
Quante volte ci sarà capitato di aspettare in aeroporto e fissare lo schermo delle partenze per vedere le sorti del nostro volo, sopportando mal di schiena, nervi e stress??
Molti di noi non sanno che per un ritardo del volo di oltre 3 ore si può essere rimborsati dalla compagnia aerea con cui dovevamo volare, oltre ad usufruire nel frattempo dell’attesa, di uno o più pasti caldi, mezzi di comunicazione, trasporto in luoghi di sistemazione provvisoria.
Sono diversi i fattori che vengono presi in considerazione in caso di rimborso, innanzitutto se si vola da un aeroporto extraeuropeo ad un aeroporto europeo con una compagnia anch’essa extraeuropea, infatti in tal caso il rimborso non può avvenire.

Nel caso di ritardo o cancellazione del proprio volo la compagnia può suggerire l’imbarco sul prossimo volo che percorre la stessa tratta, oppure il rimborso del prezzo del biglietto entro 7 giorni, che può avvenire con assegni, in contanti, versamenti o dei buoni.
Ma nell’ipotesi in cui il ritardo vada oltre le 3 ore, il passeggero ha diritto, oltre al rimborso del biglietto, ad un risarcimento in base alla tratta che il proprio volo doveva percorrere; questo risarcimento parte da 200 fino ad arrivare a 600 euro.
I risarcimenti possono comunque venir meno nel caso in cui la compagnia aerea provi che il volo abbia subito ritardi o sia stato cancellato per cause di forza maggiore ( calamità naturali, scioperi).
I risarcimenti vengono meno soprattutto quando il ritardo o la cancellazione del volo viene comunicata al passeggero almeno 14 giorni prima.
Ma nel momento in cui la nostra vacanza o il nostro impegno di lavoro vengono meno per colpa di un volo in ritardo possiamo procedere con una richiesta di risarcimento.
Online sono diverse le società, che offrono come servizio la tutela dei diritti del passeggero. Infatti mediante assistenza legale si occupano di tutta la parte burocratica facendo valere i diritti del passeggero davanti la compagnia aerea. Gli stessi guadagneranno una percentuale del 25% sulla base dell’importo che viene risarcito al passeggero leso.

I manichini i veri protagonisti delle vetrine

Una strada affollata, scandita da decine di negozi e boutique che espongono la stessa tipologia di prodotto, con poche variazioni, è ormai uno scenario piuttosto comune. Cosa fa sì che i passanti siano attirati da un negozio piuttosto che dall’altro? Quale elemento cattura la loro attenzione? La risposta è semplice: la vetrina, con la sua scenografia, i capi d’abbigliamento, ma soprattutto con i suoi veri protagonisti, i manichini.

Allestire una vetrina accattivante è un gioco da ragazzi, basta attenersi a poche regole. On line troverai facilmente tutto ciò che ti occorre per arredare negozi e vetrine di tutti i tipi. Scegli tra una varietà di store che puoi consultare per la scelta di manichini a Napoli online ne troverai di tutti i tipi e potrai scegliere quelli che più si adattano alle tue esigenze. Manichini uomo, donna, bambino, con un’ampia varietà di forme e di pose: i modelli esistenti sono davvero tanti e tutti a portata di clic.


Ma quale scegliere? La scelta della posa dipende soprattutto dalla tipologia di abbigliamento venduta. Ci sono, ad esempio, manichini specifici per negozi sportivi, intenti a calciare un pallone, a correre, ad andare in bicicletta o a tuffarsi. Naturalmente avranno fisici atletici, mentre i tratti del volto saranno poco importanti. Ci sono poi manichini più adatti ad essere esposti nelle boutique di lusso: corpi maschili e femminili stilizzati in pose eleganti e raffinate, adatti ad essere vestiti con abiti da cerimonia. Per un negozio di abbigliamento trandy, sono perfetti i manichini che riproducono i movimenti e le pose delle modelle nelle sfilate di moda: ad esempio, i manichini con una mano sul fianco e l’altra abbandonata lungo l’altro, per mostrare bene il vestito.
Anche la scelta delle forme richiede qualche ragionamento. Vuoi dei manichini che si adattino a tutte le stagioni e le mode del momento? Sceglili di colori neutri, come il color pelle o l’avorio, o di una tonalità grigio scura. Puoi optare per dei manichini interi, oppure sceglierli senza testa, è una questione di gusto! Fai attenzione, perché la presenza di troppi particolari (tratti del viso, capelli, ecc.) potrebbe distrarre l’attenzione del cliente dal prodotto esposto.
Le regole sono semplici, ma scegliendo i prodotti on line lo sarà anche la modalità di acquisto!

Conoscenze generali sulla certificazione energetica

L’attestato di certificazione energetica degli edifici rileva il rendimento energetico degli immobili al fine di valutare la quantità dei consumi di energia. Lo scopo principale è quello di orientare i costruttori o i proprietari degli immobili a migliorare la progettazione e l’utilizzo dell’impianto elettrico. La necessità ricade nell’ambito dell’ampio progetto di ecosostenibilità a cui tutti gli stati membri dell’Unione Europea sono obbligati ad adeguarsi. L’attestato di certificazione energetica deve essere disponibile al momento della costruzione, vendita e locazione dell’immobile al fine della maggiore trasparenza del mercato immobiliare. L’acquirente dell’immobile deve richiedere al proprietario il documento che attesta il rendimento energetico dell’edificio per avere la possibilità di un confronto tra costi e benefici. Acquistare un immobile con un ottimo rendimento energetico comporta un investimento di denaro più consistente all’inizio che viene ripagato con minore consumo di energia elettrica in bolletta.

Differenze tra certificazione energetica e attestato di prestazione energetica
La novità introdotta dal decreto n. 63 del 2014 riguarda la sostituzione della certificazione energetica con l’attestato di prestazione energetica. Questo documento è più completo in merito ad informazioni riguardanti la quantità di energia effettivamente consumata.

Si intende definire puntualmente i bisogni energetici dell’edificio in merito alla climatizzazione estiva ed invernale, alla ventilazione, al riscaldamento di acqua sanitaria, al consumo di energia per l’illuminazione e per gli ascensori. Eventuali margini di miglioramento delle prestazioni energetiche sono descritte dettagliatamente nell’APE.
Il tecnico abilitato e i prezzi della certificazione energetica
La professione di certificatore energetico è svolta da un tecnico iscritto all’apposito albo professionale tenuto dall’Ordine di appartenenza e abilitato all’esercizio della professione. Il campo professionale di competenza riguarda la progettazione di edifici e relativi impianti attinente alla laurea in architettura ed ingegneria civile ed edile, ingegneria dell’ambiente e del territorio e lauree equipollenti. I prezzi relativi alla certificazione energetica si aggirano intorno a 200-250 euro. Su internet ci sono offerte a basso prezzo ma è necessario fare attenzione alle truffe. Un professionista abilitato valuta con attenzione la prestazione energetica dell’edificio per non incorrere in sanzioni. L’importo in fattura è composto da spese per il sopralluogo, dall’IVA, dal contributo previdenziale e dalle spese di acquisto dell’attestato.

Last minut ad Ibiza scopri le offerte

Ibiza è da sempre la meta giovanile più calda delle estati mediterranee, capace di unire sia la voglia di spiagge mozzafiato e panorami unici, che il divertimento e la movida più trasgressive d’Europa.

Recarsi nell’isola è semplice, grazie alle numerosissime compagnie aree, puoi prenotare un last minute ad Ibiza, che effettuano centinaia di voli, assicurando collegamenti costanti e da numerosi aeroporti europei.

Una volta arrivati a destinazione non rimane che scegliere la giusta accomodation, per potersi finalmente godere rilassanti nuotate, escursioni nelle cale più suggestive dell’isola e le serate indimenticabili nei suoi famosissimi club.
Se non si vuole rinunciare a nulla durante la propria vacanza, la scelta migliore è quella di optare per appartamenti nei pressi del mare in una delle tre cittadine principali, in modo da potersi vivere entrambe le due anime dell’isola, sia quella fatta di spiagge e tintarella che il suo celebre lato notturno.

Uno degli spot più interessanti è sicuramente Playa d’en Bossa, un ampio litorale famoso non solo per la la sua bellezza ma anche per la varietà di offerta musicale e di strutture votate all’intrattenimento più puro. È questa la spiaggia più famosa di Ibiza, fatta di relax, bar e chioschi da spiaggia dotati di comode poltroncine vicino al mare, ottimi cocktail e un’indiscussa selezione musicale.
Per gli amanti dello sport, delle nuove amicizie e del divertimento da spiaggia, questa è decisamente la zona perfetta, considerando che alcuni dei club più famosi come l’Ushuaia e lo Space si trovano proprio qua.

Se si ha un animo fortemente romantico invece, non ci si possono perdere alcuni dei tramonti più indimenticabili dell’isola. Si tratta di quelli visibili dal Cafè del Mar, celebre bar di Sant Antoni de Portmany, cittadina che ospita una scena di locali e offerta di intrattenimento che non ha nulla da invidiare a Ibiza city. Un lungomare romantico, adorabili ristorantini e club di tutti i generi, la rendono meta perfetta anche per fughe romantiche.

E per gli amanti di luoghi meno affollati ma comunque interessanti, l’adorabile Sant Eulaia del Rio, a sud-est dell’isola è la meta ideale. Piccolo ma non troppo, questo adorabile borgo catalano offre diversi appartamenti a ridosso del mare. Da qua si può ammirare un panorama affascinante e partire per esplorazioni verso le coste più selvagge dell’isola.

Bavaglini per neonati colorati utili e divertenti sempre con te

I bavaglini per neonato fanno parte della lista degli strumenti irrinunciabili per le mamme: dalle prime settimane aiutano i piccolini a non sporcarsi con le prime poppate, e aiutano soprattutto le mamme ad evitare continui cambi di body e tutine macchiate. Comodi da utilizzare, occupano poco spazio e sono una vera e propria arma di salvezza, da portare sempre in borsa.

In commercio ne esistono diverse tipologie: colorati, ricamati o stampati, piccoli o grandi, in cotone o sintetici, con velcro o laccetti…. ma quali scegliere per il nostro piccolo? E quali acquistare se vogliamo fare un regalo?
Vediamo insieme alcune considerazioni, trovando un buon compromesso tra comodità e divertimento, anche per loro che lo indossano.

Quale materiale?
Quando i bambini sono molto piccoli è consigliabile il cotone naturale: morbido e delicato in caso di contatto con la pelle, si lava facilmente anche con del semplice sapone di Marsiglia. Quando invece i nostri piccoli cominciano a pasticciare con le pappe, può essere utile acquistare dei bavaglini in silicone, che sono molto pratici e si lavano sotto il rubinetto. Alcune mamme si trovano molto bene con questi ultimi, in quanto hanno anche una tasca finale per raccogliere le gocce. Alla fine sarà il bimbo stesso a mostrare le sue preferenze, in base alla tolleranza per i vari materiali.

Piccoli o grandi?
All’inizio sono sufficienti dei bavaglini piccoli, con il latte ci si sporca poco…. con lo svezzamento invece le cose cambiano: se i bimbi sono molto curiosi e amano toccare il cibo, servono vere e proprie magliette. Scherzi a parte, esistono sia bavaglini grandi con la forma classica, sia bavaglini simili ad una pettorina, con l’apertura per le braccia al posto della solita chiusura: sono più impegnativi da far indossare, ma dopo è quasi impossibile macchiarsi.

Quale chiusura?
I laccetti sono ancora molto diffusi: sono comodi ma occorre fare attenzione quando il bambino inizia a utilizzare le mani perché potrebbe tirarli e stringerli. E’ preferibile scegliere la chiusura con il velcro, molto pratica e decisamente più sicura.

E il colore?
I bambini amano i colori fin da piccoli: stimolano la vista e li aiutano a familiarizzare con le forme. Sbizzarritevi quindi con tinte accese e disegni: animaletti, personaggi, ricami….il bavaglino apparirà divertente per il bimbo, che accetterà più facilmente di indossarlo.

Insegnanti nel ruolo di educatori

Per i più piccoli in genere il bullismo è meno invasivo. I genitori e gli altri adulti importanti nella vita del bambino piccolo sono più presenti. Ma rischiano di continuare a rafforzare il bullismo in età avanzate, attraverso iper protezione o scarsa attenzione. Per essere ricettivi alle esigenze del bambino è importante prestare l’attenzione, il soddisfacimento dei bisogni di base, e vivendo con il bambino. La formazione di un insegnante dovrebbe essere impostata a secondo della crescita dei bambini cominciando a capire le esigenze e i pericoli. Ad esempio, i bambini possono capire o no che stanno subendo bullismo.

Subire piccole prevaricazioni e tante per un certo tempo ogni giorno è diverso, anche se il bambino può fare le cose per evitare di subire. I genitori possono aiutare il figlio per spiegare loro come comportarsi, affrontare, e spiegando che pur  essendo presente, per quanto possibile, la figura genitoriale e degli insegnanti, loro devono imparare a vivere. Questa situazione è stato uno studio fatto con bambini piccoli ha coinvolto i familiari per valutare il tipo e il livello di educazione e del suo coraggio di affrontare le situazioni. La sua ricerca ha dimostrato che i bambini in presenza del genitore sono comunemente più sicuri, inoltre prodighi nel esplorare situazione alquanto sconosciuta, mentre senza il genitore può sentirsi sconvolto o a disagio. A seconda di come il bambino si comporta, il genitore si comporta a sua volta in modo prevedibile e l’esperimento dimostra che la situazione familiare può avere dei problemi di educazione e comunicazione. La seguente sperimentazione è una descrizione in cui si può dimostrare che l’educazione conta molto per insegnare ai bambini ad avere coraggio. I bambini iper protetti non sembrano sicuri, hanno paura, mentre quelli resi autonomi sono più sicuri. Ergo lasciate i bambini imparare anche da soli e non stategli sempre addosso.

Donne rapite dallo shopping, mamme rapite dallo shopping.

Da donne confessiamo a noi stesse questa “amara” verità: ci piace lo shopping!

Adoriamo andare in giro per negozi, guardare le vetrine, comprare le cose più disparate da quelle  utili, a quelle che non ci servono a nulla, ma potrebbero. Già perché pur di saziare la nostra irrefrenabile voglia di acquisti, pensiamo e giustifichiamo il nostro acquisto, con l’idea che un giorno ci tornerà utile. Non so a te, ma a me l’acquisto casuale è risultato sempre più utile e sfruttato di quello che pensavo mi servisse. Quindi non sempre le nostre intuizioni sono sbagliate.

Cosa non faremmo noi donne per comprare!

E le mamme, in quanto donne non sono una categoria che si redime da questa follia dello shopping, anzi mi sento di affermare con certezza ( lasciatemi un commento se pensate il contrario) che una volta diventate mamme questa nostra passione innata per gli acquisti, si intensifica. Pensateci un attimo, prima si guardavano e si entrava solo nei negozi di abiti femminili o nelle profumerie o nei casalinghi, da quando si è mamme, ci si ferma davanti ai negozi di abbigliamento per bambini, si cominciano a frequentare le sanitarie, i negozi bio, per far mangiare ai piccoli merende sane…In breve si apre un nuovo mondo, e noi siamo ancora più contente, perché abbiamo più motivi per fare shopping.

Se vi dicessi commercio elettronico, e-commerce, acquisti folli online a prezzi da urlo, cosa mi rispondereste? Non fingete di essere ignare! Il bellissimo mondo della rete, mi ha reso felicissima sia  come donna sia come madre, per le infinite risorse di siti di abbigliamento bambini online, un mondo da scoprire, sopratutto quando il tempo è poco per uscire e per perdersi nei pomeriggi in giro per i negozi. Perdersi nel mondo della rete, mentre siamo a casa, in un attimo di tregua, mentre i piccoli sono a scuola o dormono, è concesso. Riusciamo così a soddisfare online la nostra passione per lo shopping, ed in più sorride il portafoglio, perchè si fanno tantissimi affari con prodotti di qualità a prezzi sempre scontati. Vi consiglio di tuffarvi in questo mondo non ne rimarrete deluse.