Monthly Archives: December 2015

Volo in ritardo ecco cosa devi sapere

Il terrore di qualsiasi viaggiatore è quello di vedere il proprio volo cancellato o in ritardo. Quante volte ci sarà capitato di aspettare in aeroporto e fissare lo schermo delle partenze per vedere le sorti del nostro volo, sopportando mal di schiena, nervi e stress??Molti di noi non sanno che per un ritardo del volo di oltre 3 ore si può essere rimborsati dalla compagnia aerea con cui dovevamo volare, oltre ad usufruire nel frattempo dell’attesa, di uno o più pasti caldi, mezzi di comunicazione, trasporto in luoghi di sistemazione provvisoria. Sono diversi i fattori che vengono presi in considerazione in caso di rimborso, innanzitutto se si vola da un aeroporto extraeuropeo ad un aeroporto europeo con una compagnia anch’essa extraeuropea, infatti in tal caso il rimborso non può avvenire.
Nel caso di ritardo o cancellazione del proprio volo la compagnia può suggerire l’imbarco sul prossimo volo che percorre la stessa tratta, oppure il rimborso del prezzo del biglietto entro 7 giorni, che può avvenire con assegni, in contanti, versamenti o dei buoni. Ma nell’ipotesi in cui il ritardo vada oltre le 3 ore, il passeggero ha diritto, oltre al rimborso del biglietto, ad un risarcimento in base alla tratta che il proprio volo doveva percorrere; questo risarcimento parte da 200 fino ad arrivare a 600 euro. I risarcimenti possono comunque venir meno nel caso in cui la compagnia aerea provi che il volo abbia subito ritardi o sia stato cancellato per cause di forza maggiore ( calamità naturali, scioperi). I risarcimenti vengono meno soprattutto quando il ritardo o la cancellazione del volo viene comunicata al passeggero almeno 14 giorni prima. Ma nel momento in cui la nostra vacanza o il nostro impegno di lavoro vengono meno per colpa di un volo in ritardo possiamo procedere con una richiesta di risarcimento. Online sono diverse le società, che offrono come servizio la tutela dei diritti del passeggero. Infatti mediante assistenza legale si occupano di tutta la parte burocratica facendo valere i diritti del passeggero davanti la compagnia aerea. Gli stessi guadagneranno una percentuale del 25% sulla base dell’importo che viene risarcito al passeggero leso.