Piccoli ricordi

Scavando tra i cassetti, nei momenti di malinconia e tristezza vengono fuori le cose più strane, che portano la tua mente indietro nel tempo di settimane, mesi ma il più delle volte sono anni, molti anni, che ti fanno divertire e riportare alla memoria infiniti ricordi. Dal pupazzo di peluche che ti avevano regalato per il tuo decimo compleanno, alcuni pizzini con messaggi amorosi e divertenti del periodo delle scuole medie, ma anche superiori e ti scappa un sorriso ricordando il ragazzino che ti piaceva tanto ma che non hai mai avuto il coraggio di avvicinarti e dirgli quanto era carino. Tra un tappo di sughero e una moneta antica, domandandoti come ci siano capitati, scopri un vecchio e piccolo album fotografico, e in quel momento la mente viaggia, ritorna a quella gita in campagna con tutta la famiglia, parenti ed amici immortalati nelle pose più strane e più divertenti, facce strane, visi cambiati, cresciuti,  con abbigliamenti non di moda oramai da un pezzo, lo zio creatore di “selfie” è presente in quasi tutte le foto nella classica posa da autoscatto.\r\n\r\n\r\n\r\nScappa un  altro sorriso e prendi il cellulare, pensando a quando è oramai di moda questo tipo di fotografia, e grazie allo smarphone dual camera noti che la maggior parte delle foto che hai in memoria sono state scattate così, un abbraccio con un amico, una foto nello specchio per condividere con tutti il tuo nuovo outfit e tante altri scatti divertenti, tutti importanti e tutti con un significato, e non sai il perchè e come fai, ma ricordi perfettamente il momento e  il luogo in cui hai scattato ogni singola foto.\r\nOramai è ora di andare, quello che stavi cercando non l’hai trovato, ma in compenso hai scavato ricordi che credevi di aver dimenticato e perso chissà dove, quello di cui hai bisogno non ha più importanza, sistemi quello che puoi, rimetti tutto nel cassetto, e chiudendolo con un accenno di sorriso lanci un’ultima occhiata a quell’album fotografico allotanandoti con in mano il tuo cellulare e tutte le tue foto ricordo.